Archivi categoria: Lezioni gramsciane

Usare ironia e leggerezza, in poesia viva

Usare ironia e leggerezza, in poesia viva, riciclare, quando scende il panico – come una mannaia, posso solo questo, come sollievo – al panico – riciclare; miei eroi, anima della mia generazione, parlo per voi, che siete stanchi e spossati: … Continua a leggere

Pubblicato in Lezioni gramsciane | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Dunque, (sempre) i conti dicevo

Dunque, (sempre) i conti dicevo: porto in dote questa voce, è la mia cronaca: l’unione di privato e storico (non una ricerca di mercato), la somma della propria identità (agguerrito poeta, non ti ascoltano mai!): il dolore va controllato, mai … Continua a leggere

Pubblicato in Lezioni gramsciane | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Amici miei (Storia e poesia)

Amici miei, protagonisti in prestito e mascherati, fermo e indeciso, tra il dolore e il piacere, vorrei confessarmi: manifesto il distacco tra individuo e Storia – la meccanica del disinteresse (perfino senza colpe chissà?) – col discorso vivace e senza … Continua a leggere

Pubblicato in Lezioni gramsciane | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Amo Zola (Letterati e indifferenti) pt.2

Traduco bene e traduco a modo mio (il nuovo Nuovo Principe sono Io). Oh Èmile, a cosa è servito il tuo sacrificio se quel che resta è il solo realismo: alcuni l’hanno presa persino a dottrina! E l’uso sociale? Il … Continua a leggere

Pubblicato in Lezioni gramsciane | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Amo Zola (Letterati e indifferenti) pt.1

Amo Zola, senza averlo mai letto. Gli ideali sono un peso, quando asfissiati si muore soli nella propria camera; ma se espressi invece fuori moda, leggeri leggeri (come una macchia) (ma così radicale) nei toni, danno possibilità di salvezza; cerco … Continua a leggere

Pubblicato in Lezioni gramsciane | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

La ballata della meritocrazia

Meritocrazia – lo show dei famosi!, il mestiere dei vincenti, il richiamo dei realizzati, il pudore degli esordienti, il rammarico dei vinti – * i ricchi hanno meritocrazia, i potenti gestiscono meritocrazia, i notai firmano meritocrazia, i giovani alla Luiss, … Continua a leggere

Pubblicato in Lezioni gramsciane | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

La bella attrice (ancora su meritocrazia)

La bella attrice dagli occhi chiari esce dallo schermo, salva fascino con lezioncine imparate ad arte, tutti la chiamano, tutti la viziano: Ascoltatemi!, dice il suo corpo, e prende da noi la stima che gli dà ragione; e dietro di … Continua a leggere

Pubblicato in Lezioni gramsciane | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento