Design II

L’utopia del design è cosa quasi fatta,
l’uguaglianza planetaria è in corso d’opera,
non ci vorrà molto ancora, basterà solo
aspettare l’ultimo cinese in ritardo di omologazione
e poi via. Quale prodotto, quale vestito, quale cibo?
Non ha più importanza tutto questo, la tradizione
ha smarrito il suo luogo di nascita, il racconto
di una storia, il prodotto tipico locale; chiunque
lo può cullare nel proprio territorio, farne vanto
di natalità. Le differenze, il folklore, l’epica popolare:
sono valori vecchi e inattuali: l’universale
solo resiste, valore morale (e presa elettrica al cellulare!)

L’utopia del design è cosa quasi fatta,
e la nuova uguaglianza planetaria
si basa su luci, glamour, merci e stragi,
così somiglianti ogni giorno di più.

[2013]

Questa voce è stata pubblicata in Dizionario dei miti d'epoca e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...