Domande (siamo noi felici?)

Siamo noi felici? Esistono

i felici? Gioia, tu sola sei immorale,

per questo mondo di attività frenetica

e senz’anima. Ah! che limite la comunicazione:

la propaganda ha sancito da secoli la vittoria

dell’infelicità come pratica assistenziale

(stato sociale addio!). Di già il bizantinismo,

di già il vaniloquio, oscurano la tua dignità,

il tuo fervore, la tua giustizia. Poi il sistema

mercantile, l’affarismo. Gli idoli

di questo altare si rotolano gaudenti come porci nella merda:

ma si ritroveranno faccia al muro, un giorno;

non ho alcun dubbio; la ricerca

di un posto al sole è appena iniziata,

gli infelici non avranno la nostra anima.

Cos’altro poi? Volontarismo? Certo!, dev’essere anche

auto-imposta. Attenzione all’avverbio “felicemente”,

può risultare retorico, se detto dalle bocche sbagliate.

Siamo noi felici? Esistono i felici?

Queste son domande da porsi, al giorno d’oggi.

[2008]

Ispirato da A. Gramsci, Il nostro Marx, Il Grido del Popolo, 719, 4 maggio 1918.

Questa voce è stata pubblicata in Lezioni gramsciane e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...