Eppure cantano come dei

Eppure cantano come dei,

fanno un gran baccano e s’agitano;

e io sto ancora una volta ad ascoltarli

(imbecille che sono!); hanno petti pieni (come gobbe),

le espressioni morali giuste e signorili – seppure il baccano

per meritarsi un diffuso appoggio; così ragionevoli,

seduti con garbo ed educazione (ma gran baccano)

e si districano abili tra articoletti, saggi, crepuscoli,

prove etiche, opinionismi, verità sicure

(ancora le lezioncine!) (si chiamano opinionisti):

italietta, stendi i panni con mediocrità!:

nel tuo paese non c’è aria né gioia,

né una voce sincera che rassicuri:

l’etere non dà scampo alcuno – se non spegnere

(avessimo dato retta da subito a Mazzini!).

                                                [2007]

Questa voce è stata pubblicata in Lezioni gramsciane e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...